Quattro video-conferenze nei giorni caldi della pandemia hanno interessato tanti Soci del Panathlon di Palermo

L’emergenza corona virus ha messo tutto il mondo a dura prova. Con il lockdoiwn le giornate sono sembrate a volte interminabili ed altre volte, invece, sono sembrate troppo brevi per gli impegni che ognuno, malgrado tutto, si è creato per potere passare il periodo infinitamente drammatico.

Moltissimi Soci del Panathlon Club di Palermo si sono prodigando per aiutare coloro che hanno avuto bisogni di vario genere e, altri, hanno messo al servizio degli sportivi, giovani e non, la propria professionalità per consentire che l’attività motoria si potesse svolgere anche nelle proprie abitazioni.

Per conoscere tutte le iniziative dei Soci e delle proprie Associazioni Sportive (circoli, palestre, etc.) il Panathlon Club di Palermo, con la preziosa collaborazione del Socio Vincenzo Autolitano, Presidente, tra l’altro della Sezione di Palermo Centro della Lega Navale Italiana e del Consigliere Beppe Tisci, Vice Presidente della 7^ Zona (Sicilia) della Federazione Italiana Vela, ha pensato di fare cosa utile organizzando una prima video-riunione dei Soci, giovedì 9 aprile alle ore 21.

Partecipare è stato piuttosto facile, dai propri computer palmari e non, tablet PC, iPod, etc. ed il Club si è messo comunque a disposizione per collaborare con chi ancora non lo sapeva fare.

Dopo questa prima importante esperienza, che è stata utile anche per fare rivedere i Soci e fare rompere l’incantesimo che li aveva ingiustamente separati, è stato effettuato un secondo incontro martedì 21 aprile alle ore 21.

A questa seconda video-conferenza ha preso parte il Prof. Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo e Socio Onorario del Panathlon Club di Palermo, ed il Dr. Paolo Petralia Camassa, Assessore allo Sport del Comune di Palermo.

L’incontro è stato interessantissimo perché molti Soci hanno partecipato attivamente, confrontando le proprie esperienze e, sopratutto per le importanti presenze istituzionali del Sindaco e dell’Assessore allo Sport che hanno consentito al Club di rendersi propositivo verso il Governo siciliano con proposte utili ad una ripresa delle attività dello sport con tutti i requisiti idonei a salvaguardare la salute ed il benessere dei cittadini.

La brillante iniziativa è stata ripetuta per la terza volta martedì 5 maggio alle ore 21 con un altro incontro in video-conferenza al quale hanno preso parte, oltre all’Assessore allo Sport del Comune di Palermo, Paolo Petralia Camassa, Francesco Ettorre, Presidente della Federazione Italiana Vela e Francesco Zappulla, Presidente della 7^ Zona (Sicilia) della Federazione Italiana Vela.

E’ stata una buona occasione per poter conoscere come la grande federazione della Vela si è organizzata per la vita dei circoli affiliati durante l’emergenza corona virus e soprattutto per come sta programmando il dopo pandemia; è stata utile anche per conoscere come poter superare i problemi del diporto nautico e soprattutto per come si sta programmando l’alta specializzazione in vista dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 in programma nel luglio/agosto 2021. Importante anche la presenza all’incontro delo Socio Giuseppe Chianello, Commissario Straordinario del Comitato Sicilia della Federazione Italiana Canottaggio che nell’occasione ha illustrato come la FIC ha operato durante la pandemia e quali sono i programmi immediati della Federazione in Italia ed in Sicilia.

Dopo gli interessanti incontri in video-conferenza del 9, 21 aprile e 5 maggio, durante i quali sono stati in tanti i Soci ad apprezzare l’invito del Club partecipando attivamente, si è ripetuta l’iniziativa con un ulteriore incontro, sempre in video-conferenza, mercoledì 20 maggio alle ore 21.

In questo nuovo incontro sono stati esplorati insieme i problemi creati dal corona virus al grande e complesso mondo degli atleti Master.

Il confronto con il coordinamento del Socio Antonio Coglitore, Presidente della Waterpolo Palermo e con ospite eccezionale il pluricampione olimpico di canottaggio Rossano Galtarossa, oggi Direttore della Società Canottieri Padova, una delle prima strutture sportive ad aver aperto i battenti ai tesserati dopo lo stop dovuto alla pandemia.

Rossano Galtarossa ha partecipato ben 6 volte ai Giochi Olimpici. La prima volta a Barcellona, nel 1992, dove ha tagliato il traguardo al 3° posto. Nel 1996 ad Atlanta in USA, nel 1996, dove non è riuscito ad andare oltre la quarta posizione. Si è tolta la più grande soddisfazione della propria carriera sportiva trionfando a Sydney in Australia, nel 2000. Terzo ad Atene, nel 2004, mentre ha compiuto un autentico capolavoro nel 2008 a Pechino, giungendo secondo. Nel 2011 è tornato ad essere protagonista con la maglia azzurra ed ha qualificato la barca per le Olimpiadi di Londra, del 2012, dove ha partecipato come “riserva”. E’ stato il canottiere italiano ad aver vinto più medaglie alle Olimpiadi: ben 4, un oro, un argento e due bronzi. Nella sua carriera conta complessivamente 166 medaglie d’oro, 59 medaglie d’argento e 26 medaglie di bronzo.

Quattro appuntamenti molto interessanti, ai quali hanno partecipato attivamente tantissimi Soci che hanno apprezzato l’iniziativa del Club, confrontato i loro problemi e facendo tesoro anche delle esperienze altrui per superarli agevolmente.

Tra pochi giorni ricorre l’anniversario della morte del “presidentissimo” Renzo Barbera, primo premio Fair Play del Panathlon di Palermo

Oggi, 19 aprile 2020, ricorre il centenario della nascita di Renzo Barbera. Figlio di Giuseppe, Consigliere d’amministrazione del Palermo Calcio e Presidente del Circolo del Tennis, e di Maria Rutelli, Renzo da ragazzo giocava a calcio e a rugby e fu anche Ufficiale dell’esercito durante la seconda guerra mondiale. Sposatosi con la triestina Giuliana Cicutto nel 1948, ebbe tre figli: Giuseppe, Ferruccio e Maria Ludovica.

Nel 1951 Barbera entra nel mondo del calcio e ancora prima di diventare il “presidentissimo” del Palermo, quale grande figura di mecenate sportivo che era, rifondando la Juventina Palermo si inventa, a Resuttana assieme all’Atletic Club Bacigalupo, una realtà di ottima aggregazione giovanile dove gran parte dei giovani calciatori della città hanno dato i loro primi calci al pallone.

Il Presidente, al quale è stato intitolato lo stadio nel settembre 2002, qualche mese dopo la sua scomparsa, nel 1966 entra nel Consiglio di Amministrazione del Palermo Calcio, e nel maggio 1970 ne viene eletto Presidente al posto del dimissionario Giuseppe Pergolizzi, passando il testimone a Gaspare Gambino nel marzo 1980.

Con lui la squadra è tornata in Serie A nel 1972 e ha giocato due finali di Coppa Italia, contro il Bologna nel 1974 e contro la Juventus nel 1979. A Bologna restò famoso il suo gesto quando sportivamente fu il primo a tendere la mano al capitano della squadra avversaria.

Durante il decennio della sua gestione, nel 1973 il club rosanero ha ricevuto anche la Stella d’oro del CONI al merito sportivo, perché Barbera dimostrò di essere molto interessato anche ad altri sport di squadra, come il predecessore Raimondo Lanza di Trabia, ed infatti anche se per poco tempo, durante la sua presidenza rese il Palermo una polisportiva.

Nel 1990 fu eletto Presidente del Comitato organizzatore siciliano del Campionato del mondo di calcio e, nello stesso anno, venne nominato Presidente onorario del Palermo Calcio.

Nel dicembre del 2001 il Panathlon International istituì i Premi Fair Play ed il Club di Palermo gli conferì il Premio, consegnatogli presso Villa Niscemi proprio pochi mesi prima della sua morte, avvenuta all’età di 82 anni la notte del 20 maggio 2002.

 

DOPO CENA DEI SOCI DEL CLUB IN VIDEO CONFERENZA CON IL SINDACO DI PALERMO, LEOLUCA ORLANDO

L’emergenza corona virus sta continuando a mettere tutti a dura prova anche i Soci del Panathlon di Palermo.

Dopo la bella esperienza del 9 aprile u.s. in cui il Club ha visto all’incontro la partecipazione di quasi trenta Soci (Accurso Pietro, Alaimo Maurizio, Amoroso Rosastella, Autolitano Vincenzo, Barresi Beppe, Bosco Sisto, Cascio Roberta, Chianello Pippo, Costantini Marco, Dicara Nino, Ganci Gaspare, Giliberti Marcello, Giunchiglia Giuseppe, Guccione Gabriele, La Rosa Massimo, Lo Dato Eros, Lo Torto Giuseppe, Musmeci Giampiero, Piraino Gaetano, Speciale Paolo, Tisci Beppe, Udine Armando, Urso Cosimo Roberto, Vetrano Ugo, Vitale Andrea, Vitale Benedetto) il Presidente Andrea Vitale desidera ripete l’incontro ancora una volta dopo cena

in video conferenza, martedì 21 aprile alle ore 21.

All’incontro prenderanno parte anche il Sindaco di Palermo, Prof. Leoluca Orlando e l’Assessore allo Sport del Comune di Palermo, Paolo Petralia Camassa.

Anche questa volta si usufruirà della preziosa collaborazione in qualità di coordinatore dell’evento del Socio Vincenzo Autolitano.

Partecipare sarà facile, infatti per collegarsi alla riunione basterà seguire semplici istruzioni ed il collegamento potrà avvenire via PC (tramite browser) o via tablet/smartphone (scaricando la app CISCO WEBEX MEET).

Invitiamo ad utilizzare sempre la chat del Club solo per fini istituzionali, evitando di inviare messaggi personali o di proprie associazioni per i quali è meglio utilizzare i propri “gruppi whatsapp”, se del caso inserendo i numeri di telefono dei Soci che si desidera informare.

 

 

auguri di Buona Pasqua

Cristo è risorto! E noi abbiamo la possibilità di aprirci e ricevere il Suo dono di speranza. Apriamoci alla speranza e mettiamoci in cammino; la memoria delle Sue opere e delle Sue parole sia luce sfolgorante, che orienta i nostri passi nella fiducia, verso quella Pasqua che non avrà fine.    Papa Francesco

Il momento è particolare e la solitudine, l’incertezza, l’incognito, i lutti, mettono a dura prova la nostra sopportazione. Bisogna avere il coraggio di non avere paura. Stiamo a casa, cerchiamo di essere rispettosi degli altri. Cerchiamo di tenere allenato il cervello ed il corpo. Stiamo uniti e vicini nella lontananza.

In questa particolare ricorrenza della Santa Pasqua giungano nelle Vostre case gli Auguri affinché domani sia meglio di ieri ed oggi serva affinché questo possa avvenire.

Buona e serena Pasqua a tutti Voi, alle Vostre famiglie, a tutti i panathleti del Mondo, a tutti gli sportivi, con rinnovata fiducia verso un futuro migliore pieno di Fair Play e di Amicizia.

Rinvio Assemblea Elettiva del Distretto Italia del 9 maggio 2020 causa Coronavirus

Ricorre oggi la Giornata Mondiale dello Sport per la Pace e lo Sviluppo indetta dalle Nazioni Unite e Giorgio Costa
Presidente Distretto Italia ha ritenuto opportuno ricordare le parole del Papa all’Angelus di ieri  “In questo periodo, tante manifestazioni sono sospese, ma vengono fuori i frutti migliori dello Sport:, la resistenza, lo spirito di squadra, la fratellanza, il dare il meglio di se…  Dunque rilanciamo lo Sport per la Pace e lo Sviluppo”.

Visto l’evolversi della situazione contingente al Coronavirus, considerata l’intensità e il perdurare dell’emergenza epidemiologica, di concerto con il Panathlon International, è stato deciso il rinvio dell’Assemblea indetta per l’elezione delle cariche del Distretto Italia.

Non essendo possibile ipotizzare per adesso una data certa in cui stabilire il giorno, l’ora e la località dell’Assemblea, lo svolgimento della stessa è stato rinviato a quando si potrà garantire a tutti la partecipazione in modo sicuro e sereno.

Certo che capirete la motivazione di questo ulteriore rinvio, nel ringraziarVi per il grande contributo che i Club ed i Governatori, da veri Panathleti, stanno offrendo alla Società per aiutare a debellare questo nemico subdolo, invisibile e devastante – scrive Giorgio Costa, Presidente del Distretto Italia ai Presidenti dei Clubs – e invito a portare il mio saluto a tutti i Soci, con la speranza di sconfiggere nel più breve tempo possibile il COVID-19 “.

 

Rimandata l’Assemblea Ordinaria Elettiva del Panathlon International

A seguito dell’emergenza sanitaria causata dalla pandemia del COVID-19, il Consiglio Internazionale del Panathlon International ha reputato di posticipare a data da destinarsi l’Assemblea Ordinaria Elettiva ed il Congresso Internazionale già fissato, ma non ancora convocato, per il prossimi 6 e 7 giugno 2020 ad Osimo.

Questo provvedimento assunto per causa di forza maggiore, permetterà ai Soci del Panathlon di incontrarsi quando questo triste e difficile momento sarà solo un brutto ricordo.

Il Panathlon International spera di potere comunicare presto una nuova data e augura a tutti le migliori fortune, in attesa di conoscere le nuove direttive governative e sanitarie.

 

Gli effetti nefasti del coronavirus – l’aggiornamento del calendario annuale

Annullare la Cerimonia dedicata alla consegna dei Premi Fair Play 2019 e dei Riconoscimenti Donne e Sport 2020 è stato sicuramente doloroso ed imprevedibile. La scelta, assolutamente necessaria e condivisibile, è stata effettuata dalla Presidenza dell’Assemblea regionale siciliana e subita dal nostro Club.
Sicuramente ancora più doloroso è, in questo momento, sospendere le prossime attività previste nell’immediato futuro per il nostro Club:
  • la conviviale prevista per il mercoledì 22 aprile e dedicata agli sportivi “più abili” dove avremmo affrontato il tema della “disabilità nello sport”, con il coordinamento dei Soci Roberta Cascio e Gaspare Ganci;
  • la tradizionale gita sociale prevista per la domenica 17 maggio nella quale festosamente ci saremmo recati a Susafa, nei pressi di Polizzi Generosa, nei luoghi del cibo, perché in quello che un tempo era l’antico granaio c’è oggi un ristorante tra possenti pareti in pietra dove l’atmosfera ha il calore della memoria ma in chiave gentilmente contemporanea, mentre il camino riscalda le emozioni e gli odori fluttuano tra ampie volte.
Questo momento molto particolare ed unico nel suo genere ci vede in molti isolati nelle nostre abitazioni, alcuni soli, altri con i familiari più vicini, a passare le giornate impegnandoci in varie maniere, spesso insolite e comunque tristi.
Altri, meno fortunati, malgrado il periodo altamente pericoloso, vivono in trincea, continuando le proprie attività lavorative (i più fortunati tra questi da casa). Sono i medici, gli infermieri, i farmacisti, gli impiegati delle aziende di trasporto, coloro che operano nelle stazioni o all’aeroporto con vari incarichi, i commercianti dei beni di prima necessità, i giornalisti, le forze dell’ordine, i vigili urbani, etc.
A Loro va il nostro grazie incondizionato e la nostra solidarietà. Non ci sono parole per esprimere l’infinita nostra  riconoscenza.
Un pensiero affettuoso e doveroso agli sportivi. E nella nostra comunità si tratta della stragrande maggioranza dei Soci. Hanno continuato, fortunatamente e con le modalità stabilite dalla legge, la loro attività di dirigenti, tecnici ed atleti. Allestendo spesso nelle proprie abitazioni delle vere e proprie palestre (anche io nel mio piccolo ho recuperato dalla cantina una vecchia ciclette) quotidianamente si tengono in attività o, gli istruttori, impartiscono lezioni in video conferenza, in maniera tale da potersi tenere in forma fisica oltre che mentale.
Finirà. Non sappiamo come e quando ma finirà. Coraggio, teniamoci in contatto in maniera tale da riuscire ad essere vicini mentre siamo lontani. Avremo la forza di riprendere la nostra attività sociale e cercheremo di fornire al mondo dello sport un servizio ancora migliore e più incisivo di quanto siamo riusciti a fare anti coronavirus.
Siamo stati messi a dura prova ma sono certo che il nostro carattere di sportivi unito al senso di Fair Play insito in ognuno di noi ci fa sopravvivere e ci farà riprendere l’attività con coraggio e determinazione.
Stiamo a casa. Evitiamo qualsiasi contatto non necessario con persone al di fuori del nostro nucleo abitativo. Cerchiamo di non ammalarci, questa è la cosa più importante.
Un ultimo pensiero a quegli amici e conoscenti (e penso purtroppo che ognuno di noi ne ha qualcuno) per il momento “positivi” o peggio ancora in terapia d’urgenza.
Preghiamo per loro e che il Signore li assista.
Sperando di poterVi incontrare presto e che il coronavirus possa divenire un brutto ricordo, un caro e panathletico saluto.
Andrea Vitale

 

Calendario delle attività sociali previste nell’anno 2020

Appello della Fondazione Sicilia per una raccolta fondi per l’emergenza degli effetti del coronavirus

La Fondazione Sicilia, ha invitato i nostri Soci a promuovere la sua campagna di raccolta fondi a favore della Protezione Civile della Regione Siciliana per l’emergenza COVID-19 (coronavirus).

Fino a circa due giorni fa in Sicilia ci erano 120 posti letto di terapia intensiva destinati a pazienti affetti da Covid – 19, di cui alcuni già impegnati.

La Regione necessita quindi di almeno altri 500 posti. I ventilatori polmonari non sono sufficienti. I medici e gli infermieri lavorano in carenza di dispositivi di protezione individuale. Non si può più aspettare.

– Attrezzare un nuovo posto in terapia intensiva costa circa 70.000 euro.
– Acquistare un ventilatore polmonare tra i 15 e i 20.000 euro.

È per questa ragione che la Fondazione Sicilia ha deciso di avviare una campagna di raccolta fondi che ha chiamato “SOS CORONAVIRUS SICILIA”, destinando 100.000 euro all’emergenza sanitaria.

Ma non basta. Ha bisogno anche del nostro aiuto.

I fondi raccolti verranno devoluti al Dipartimento regionale della Protezione Civile e saranno destinati per:

– l’acquisto di beni strumentali per i pronto soccorso e gli ospedali siciliani;
– l’acquisto di dispositivi di protezione individuale per medici e paramedici;
– interventi strutturali per creare nuovi reparti di terapia intensiva.

Oggi, come siciliani, siamo chiamati a dare il nostro contributo, manifestando responsabilità, sensibilità e solidarietà verso chi è in corsia in prima linea.

È per questo motivo che dobbiamo, tutti insieme, aiutare chi ogni giorno si impegna ad aiutarci. Tutti insieme riusciremo a superare anche questo difficile momento. Un sentito ringraziamento per tutto ciò che fate e che farete.

 

Rinviata la Cerimonia di consegna dei Premi Fair Play 2019 e Donne e Sport 2020

Siamo spiacenti di dovere comunicare che la cerimonia di conferimento dei “Premi Fair Play 2019” e dei riconoscimenti “Donne e Sport 2020” che si sarebbe dovuta tenere presso la Sala Gialla di Palazzo dei Normanni, sede dell’Assemblea Regionale Siciliana, lunedì 9 marzo c.a. dalle ore 17:30 è stata purtroppo rimandata a tempo indeterminato per rispettare le disposizioni ministeriali relative al contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Resta inteso che per l’anno 2019 il Consiglio Direttivo ha così conferito i Premi Fair Play:

  • per il Gesto a: 

Corrado Luna, in considerazione del Suo recente pregevole comportamento durante il vile pestaggio del giovane senegalese in via Cavour a Psalermo;

  • per l’Attività:

Carmelo Forastieri – vela paralimpica: ragioniere e perito tecnico commerciale, il suo ingresso nel mondo della vela risale a 24 anni fa con il superamento del corso di istruttore di vela presso la società Alta Marea di Cinisi. A cui hanno fatto seguito vari conseguimenti di qualifiche nel settore della vela paralimpica. Da istruttore ad agonista il passo è stato breve ed oggi Carmelo vanta un ricchissimo palmares di trofei e piazzamenti in regate nazionali. Nel giugno scorso si è classificato secondo al campionato italiano della classe Hansa 303 ;

e

Gabriele Piraino – tennis: diciassette anni da compiere a novembre, il mancino tennista del Ct Palermo nello scorso giugno si è reso protagonista di un successo storico per il tennis italiano. A soli 15 anni e mezzo ha vinto a Milano il Torneo dell’Avvenire, manifestazione per under 16 che in passato ha incoronato giocatori come Borg, Barazzutti, Lendl, Edberg, Ivanisevic, Del Potro. Componente delle squadre azzurre giovanili, ha difeso i colori italiani in campionati europei e in tanti tornei internazionali giovanili. Sempre lo scorso anno ha contribuito alla conquista del titolo tricolore under 16 con i compagni del Circolo tennis Palermo. E’ allenato a Palermo dal maestro Davide Cocco;

  • per la Carriera:

Carlo Beninati – badminton: una vita dedicata alla famiglia, alla scuola e allo sport, dove in 50 anni è stato prima atleta, poi tecnico e infine come dirigente. Una carriera di trent’anni nella Federazione Italiana Badminton caratterizzata da vari ruoli: giocatore, tecnico, arbitro, dirigente nazionale in vari incarichi sino a raggiungere la carica di Presidente Federale. Il Coni e’ stata l’altra famiglia alla quale ha appartenuto e dalla quale ha ottenuto riconoscimenti in termini di ruoli e di benemerenze sportive tra cui la Stella d’oro al Merito Sportivo. Tra le altre attività svolte in ambito sportivo, quella di cronometrista e tecnico di pallamano;

e

Antonio Selvaggio – atletica: già mezzofondista olimpico a Los Angeles nel 1984, laureato in Scienze Motorie, oggi insegna al liceo Meli. Nel suo curriculum da atleta vanta 20 presenze in azzurro, partecipazioni ai Mondiali universitari, a campionati europei e in Coppa Europa. Detentore di 5 titoli italiani tra individuali e a squadre e di 4 record italiani di categoria. Per lunghi anni è stato preparatore atletico di squadre di vertice di pallavolo, basket e tennis. Da otto anni è presidente dell’Associazione Azzurri d’Italia della sezione di Palermo.

E che per l’anno 2020 il Consiglio Direttivo ha assegnato i Riconoscimenti “Donne e Sport” a:

Luisa Balsamo, atletica – sport estremi: è tra le regine italiane degli sport estremi. Mamma di Marta e Lorenzo, atleta polivalente dopo aver corso in Italia e all’estero numerose maratone e mezzemaratone, da circa 15 anni ha scelto di correre nella natura. E in condizioni tra le più impegnative ed estreme. Finora ha compiuto 14 imprese nei deserti di tutto il mondo. Dai deserti del Marocco, alla Nabibia al Cile, fino alle vette del Tor des Geants (5 volte), alla Patagonia, vincendo anche la classifica femminile alla TransOmania, 300 chilometri nel deserto del Sultanato dell’Oman nella penisola arabica. Da tre stagioni corre per il prestigioso Racing team Ferrino. A settembre proverà a superare una grande impresa a Courmayer: il Tor des Glacier – 450 km con 32.000 metri di dislivello;

Marina Bellomo, pallanuoto paralimpico: laureata alla Università La Sapienza di Roma nel 1990, si è specializzata in psicoterapia cognitivo comportamentale. Da 20 anni rivolge il suo interesse nell’ambito del funzionamento autistico, dedicando il suo percorso formativo e lavorativo, sia sul versante terapeutico che diagnostico. Ha svolto formazione nelle scuole alle insegnanti, campagne di sensibilizzazione agli studenti, docenza al master sull’ autismo dell’Università di Palermo. Nel 2017 ha costituito a Palermo la società sportiva “Delfini blu”, di cui è vicepresidente, finalizzata al nuoto e alla pallanuoto con soggetti con neurodiversità, integrati con normodotati ;

Emilia Bignardelli, salto ostacoli equitazione: amazzone palermitana, 22 anni da compiere ad agosto, difende i colori della New Eagles Catania ed è seguita dall’istruttore Cirino Carrabotta con il quale si allena sottoponendosi a continue spole con Catania. Emilia oggi rappresenta la massima espressione tra le amazzoni palermitane. Negli ultimi anni ha conseguito piazzamenti di rilievo in competizioni nazionali soprattutto giovanili, rappresentando anche l’Italia nella squadra nazionale young ryders nella coppa delle nazioni lo scorso anno in Polonia;

Maria Grazia Bilello, atletica: nativa di Partinico, atleta da tre stagioni dell’Universitas Palermo, allenata da Marcello Giaccone, è tra le podiste più vincenti in Sicilia nelle cose su strada. Il suo recentissimo palmares è strapieno di successi. La scorsa stagione ha vinto il circuito nazionale Fidal Bronze, il Grand Prix Sicilia di categoria e il Grand Prix Sicilia maratonine di categoria. Nonché sette vittorie in gare in Sicilia e ottimi piazzamenti in competizioni nazionali. Nelle scorse settimane si è imposta anche in manifestazioni su strada a Sciacca e a Sant’Agata Militello;

Fabiola Borruso, vela: appassionata di vela, da dieci anni è iscritta alla Lega Navale Palermo Centro e da tre anni fa parte del consiglio direttivo del sodalizio. Vanta almeno un decennio di attività agonistica partecipando a regate dapprima su barche della classe Azzurra (primo successo nel 2010 nella Palermo-Aspra) e poi in competizioni di altura a cominciare dalla Palermo-Montecarlo del 2010 con la barca Enoch che vide l’esordio della Lega Navale in questa regata. Da anni si dedica alla promozione dello sport come veicolo sociale e di integrazione con la disabilità. E’ parte integrante dello staff che ogni anno organizza Una Vela Senza Esclusi;

Ada Cipolla, nuoto paralimpico: diplomata Isef, è insegnante di sostegno presso l’istituto statale Florio San Lorenzo. Delegata provinciale del Cip settore scuola, del settore vela disabili della Lega Navale,  tecnico disabili per la società Alba, da tre mesi ha assunto il ruolo di tecnico disabili anche presso il Telimar. Da quattro stagioni svolge attività tecnica collaborando con la Fisdir, la federazione italiana sport paralimpici, in qualità di assistente tecnico multidisciplinare e nei settori nuoto e vela;

Valeria Dicembre, automobilismo: medico pediatra, mamma di tre figlie, da alcuni anni segue la passione del marito Giovanni Moceo, dal 2011 pilota automobilistico in gare di regolarità su auto storiche. Diventata esperta navigatrice tra i successi più prestigiosi a bordo della Fiat 508 del 1939, vanta la vittoria nel 2015 del Giro di Sicilia, due volte la Targa Florio classica e lo scorso anno il campionato italiano Aci Sport auto storiche dopo 4 prove, la Coppa d’oro delle Dolomiti a Cortina e il campionato siciliano Aci Sport regolarità auto storiche;

Claudia Di Miceli, vela paralimpica: studentessa palermitana, 25 anni, si è avvicinata alla vela paralimpica da pochi anni e gareggia per i colori della Lega Navale. Ha subito trovato piena sintonia con le imbarcazioni della classe Hansa 303 sulle quali si gareggia in coppia: un normodotato e un disabile.  Dopo il secondo posto nella regata nazionale di Chiavari, ha vinto a Livorno il trofeo Accademia Navale e dulcis in fundo il terzo posto pochi mesi fa in Portogallo al campionato europeo;

Marta e Sofia Giunchiglia, vela: diciotto anni la prima, diciassette la seconda, da tre stagioni gareggiano per la giovanissima società circolo velico Sferracavallo su una barca doppia molto spettacolare il 29er. Hanno chiuso un 2019 esaltante con una serie di vittorie sia assolute che nella loro categoria youth femminile chiudendo al primo posto la classifica nazionale. Settime al Mondiale del luglio scorso in Polonia, Nel gennaio scorso hanno vinto a Miami in Florida la regata americana e un mese fa hanno confermato il successo dello scorso anno nella prima prova dell’EuroCup a Barcelona;

Marcella Marzetti, atletica – volley: è nella storia delle atlete polivalenti più prestigiose dello sport palermitano. Da atleta per 15 anni ha tenuto il record siciliano dei 100 metri ostacoli, praticando anche il salto in lungo e la velocità. Le resta imbattuto il suo record di punti nel pentathlon. Lasciata l’atletica si è dedicata totalmente alla pallavolo raggiungendo alla fine degli anni ’70 la serie A-1 con la gloriosa squadra palermitana della Cook-o-matic. Nella maturità si è dedicata al tennis gareggiando per il Ct Palermo con successi nelle competizioni a squadre. Nella scorsa stagione ha pure vinto il titolo italiano Ladies 60;

Mercedes Rivera, nuoto sincronizzato: spagnola di nascita ma ormai palermitana di adozione, insegnate di lingua spagnola presso l’istituto Thomas More, è tra le fondatrici della società Aquademia sincro, di cui da sette anni è la presidente. La società in questi anni ha formato centinaia di atlete di nuoto sincronizzato e nuoto, con ottimi risultati anche in campo nazionale. Laureata in Economia all’università di Madrid, Mercdes in passato ha svolto attività lavorative in vari paesi americani e presso università degli Stati Uniti.

Sarà nostra cura fare sapere per tempo quando e dove verrà organizzata la Cerimonia.

Rinviata ad altra data l’assemblea elettiva del Distretto Italia prevista per il 21 marzo

Il Panathlon International ha autorizza il rinvio o la sospensione di Assemblee previste entro una certo termine da Statuto o Regolamento del PI, qualora si dovesse rendere necessario per ottemperare alle restrizioni / interdizioni governative e territoriali per la diffusione del CODIV-19.

Nel contempo il Presidente, il Consiglio Internazionale del PI, nonché la Segreteria Generale sono solidali e vicini a tutti coloro che stanno vivendo situazioni di difficoltà sperando che questo prolungato momento di criticità e di potenziale pericolo possa concludersi rapidamente senza gravi conseguenze.

Di conseguenza alla autorizzazione del Panathlon International, il Presidente del Distretto Italia, dopo aver sentito i Governatori, ha comunicato il rinvio dell’Assemblea di Roma al 9 maggio prossimo; la presenza di molti Club sarebbe messa in discussione anche dalla evidente difficoltà di raggiungere Roma con mezzi pubblici anche per la cancellazione di alcuni voli.